Dal latte di mucca una proteina antitumore

lunedì, 11 novembre 2013

LATTESi chiama Lattoferricina B25 (LFcinB25) e non è una sigla per materiale bellico bensì un peptide, molecola molto piccola costituita da una catena di aminoacidi dalle riconosciute proprietà antimicrobiche.

Il dr. Wei-Jung Chen, del Dipartimento di Biotecnologie e Scienze Animali della National Ilan University di Taiwan,  l’ha sudiata a lungo per scoprire quello che potrebbe rivelarsi un passo epocale nel trattamento dei tumori allo stomaco.

Ad oggi la cura del carcinoma gastrico è basata soprattuto su chirurgia e chemioterapia, che garantiscono un buon risultato solo in caso di diagnosi precoce.
Quello che il dr. Chen e la sua equipe hanno scoperto in laboratorio analizzando gli effetti di 3 frammenti peptidici derivanti da LFcinB25 è stato che LFcinB25 esposto alle cellule tumorali era “migrato sulla membrana cellulare delle cellule affette da adenocarcinoma gastrico” e che in 24h le cellule tumorali si erano ridotte e avevano perso parte della loro capacità di aderire alle superfici.

L’azione di qusta molecola in sostanza sembra dunque sostanziarsi nel favorire la morte cellulare programmata e la naturale degradazione delle cellule danneggiate.
Lavorare alla costruzione di farmaci basati su queste prime scoperte sarà il prossimo passo.

Fonte Articolo

Articoli collegati

Tag:, ,

Scrivi una nota